Cerca tuo Cina Viaggio
Destinazioni:
icon
Home>Cina Guida>Cina Cultura>Architettura Cinese

Architettura Cinese

Elementi architettonici tipici dei giardini del Jiangsu

Da Michela D,2018-09-26

I giardini tradizionali cinesi godono di un’alta reputazione sia tra i turisti stranieri sia tra i cinesi stessi. La maggior parte di questi giardini classici si trova nella regione del Fiume Yangtze presentano molto spesso elementi architettonici che li accomunano.

 

Questi splendidi giardini venivano solitamente creati – traendo ispirazione da ambienti naturali esistenti - in luoghi adiacenti a residenze private e i proprietari potevano essere ufficiali del governo in congedo o comunque cinesi molto benestanti, i quali potevano godere del tempo libero in questi spazi. Infatti, in queste dimore il giardino era come una continuazione dell’area “ricreativa” interna alla casa: qui si leggeva, si dipingeva, si recitavano poesie, si suonava o semplicemente si invitavano familiari o altri membri dell’élite per un tè.

 

 

Dunque, lo spazio di un giardino cinese classico era funzionale così come estetico e i mondi naturali ed artificiali erano incorporati molto attentamente. Ma quali erano gli aspetti da prendere in considerazione per creare il giardino ideale?

 

1 Presenza di elementi acquatici  

 

Situata vicino al Fiume Yangtze, la provincia del Jiangsu ha il vantaggio di avere facile accesso a molte fonti d’acqua, e quindi in ogni giardino si troveranno bellissime creazIoni artistiche come fontane, laghetti, ruscelli etc. Questi elementi non venivano aggiunti soltanto per una questione estetica, ma anche per favorire l’irrigazione degli spazi verdi e per prevenire (o domare) possibili incendi.

Solitamente i cinesi usavano porre l’elemento acquatico più grande e più bello al centro del giardino (ad esempio una fontana, o un piccolo lago), ma comunque non era raro trovare anche piccoli ruscelli e ponti che collegavano una parte del giardino all’altra.

 

 

 

 

2 Pietre e rocce

 

Durante il periodo della dinastia Qing (1644-1911) il design dei “giardini rocciosi” divenne particolarmente popolare. La presenza di particolari tipi di rocce o pietre era il primo parametro per giudicare la superiorità e l’eleganza dei giardini. Ciò accadde anche perchè in alcune zone non era possibile accedere a molte risorse d’acqua e quindi particolari composizioni di pietre o piccole colline sostituivano gli elementi acquatici come decorazioni.

 

3 Le finestre sul giardino

 

 

Un altro elemento architettonico importante era quello della finestra che affacciava sul giardino. Molte stanze o verande si affacciavano sul giardino tramite delle finestre abbastanza grandi e ben decorate, così nella casa era come avere un quadro che però mostrava l’immagine variabile del giardino. A seconda delle stagioni e del tempo, diversi colori, animali e paesaggi potevano essere ammirati, anche quando a causa del freddo non si poteva stare fuori. 

 

4 La vegetazione

 

Nei giardini tradizionali cinesi le piante potevano essere rampicanti, e avvolgere colline, muri, porticati, oppure potevano essere poste in modo da creare uno scenario particolare, una composizione. Un famoso detto cinese sottolineava così l’importanza delle piante nei giardini: “Le piante in un giardino sono come i capelli su di un volto, un elemento essenziale dell’ambiente ecologico di ogni giardino".

 

     

 

 

Le piante scelte erano solitamente appartenenti a specie locali e venivano poste in maniera da ricreare l’ambiente che il proprietario del giardino preferiva. Importante era anche la presenza degli alberi, soprattutto alberi più antichi, testimoni della storia della casa e della famiglia. Oggi, nei giardini del Jiangsu, èfacile trovare alberi che hanno più di 100 anni!

Viaggio su Misura Disegna Subito